Gianni Pittella sostiene l'iniziativa dei cittadini europei per un New Deal continentale

Vice Presidente del Parlamento europeo

Gianni Pittella

Gianni Pittella, vice presidente del Parlamento europeo e candidato del PD alle elezioni europee, sostiene l'iniziativa dei cittadini europei "New Deal 4 Europe".

In occasione dell'iniziativa romana del 20 maggio con i candidati che sostengono il new deal europeo Gianni Pittella ci ha fatto pervenire la seguente dichiarazione:

"Il tema dell'occupazione, ma in generale il tema della piena occupazione, riguarda l'intero mondo occidentale, sottoposto ai colpi della crisi economica più dura dell'ultimo secolo. Dobbiamo guardare all’economia della persona e della comunità; un’economia condivisa tra i protagonisti di un progresso sostenibile come gli imprenditori, gli imprenditori sociali e gli amministratori del bene comune. È d’obbligo una strategia volta ad assicurare adattabilità e occupazione ai lavoratori, accompagnata da sistemi di sicurezza sociale che supportino il reddito, incoraggiando l’occupazione e agevolando la mobilità lavorativa. La piena occupazione di qualità è alla base dell’ambiziosa agenda europea che mira ad una sinergia tra occupazione, stabilità e competitività. Mercati del lavoro dinamici e inclusivi affiancati da politiche attive per il mercato del lavoro e salari minimi decenti saranno le priorità assolute del prossimo piano di sviluppo.

Tocca a noi recuperare lo slancio ideale e la visione di lungo periodo dei padri fondatori. Nonpossiamo accettare che il futuro dell'Europa poggi unicamente sugli aridi parametri di Maastricht.
Questi hanno rappresentato un utilissimo strumento per avviare un percorso di convergenza verso il grande obiettivo della moneta unica ma, a vent'anni di distanza, è giunto il momento di puntare più in alto. Occorre un pieno coinvolgimento del Parlamento Europeo, in particolare rispetto al processo decisionale d'applicazione delle comuni linee giuda politiche e dei programmi di assistenza finanziaria.

Se vogliamo davvero ribaltare la percezione negativa che anima vasti settori dell’opinione pubblica europea nei riguardi dei contenuti e degli effetti delle politiche economiche dell’Unione è necessario rafforzare l’intesa tra Parlamento e Commissione sui temi della crescita, degli investimenti in infrastrutture materiali ed immateriali, del sostegno all’innovazione tecnologica e alla ricerca, dell’impegno per una maggiore sostenibilità ambientale ed una maggiore inclusione sociale.

È chiaro quindi che serve anche un’altra Europa. Bisogna cambiare l’intonazione della politica di bilancio in Europa e muoversi con attenzione, senso dell’opportunità e più coraggio. L'Europa vive un momento difficile, ma anche un periodo di grandi sfide di miglioramento.


Bisogna diventare protagonisti della nuova pagina europea. La crisi si può combattere con l ́attivismo, con la partecipazione attiva da parte dei cittadini, anche in vista delle prossime elezioni europee e il vostro contributo è un passo fondamentale in questa direzione e per questo vi ringrazio.

É la scommessa che stiamo affrontando insieme per un'Europa migliore.

A voi il mio più affettuoso augurio di buon lavoro!"

Follow Us!

FacebookTwitterYoutubeFlickrGoogle

Newsletter

Newsletter

Follow Us!

FacebookTwitterYoutubeFlickrGoogle

PARTNERS